RUCOLA

3,00

La rucola appartiene alla famiglia delle crucifere come il ravanello, la rapa e il cavolo. La rucola è originaria dei paesi del Mediterraneo e la sua crescita spontanea è attestata in diverse zone.

Categoria:

Descrizione

La rucola viene utilizzata in diverse forme, soprattutto è la parte delle foglie che viene raccolta e cucinata o consumata cruda nelle insalate. La rucola può essere spontanea o coltivata, e per la coltivazione può essere fatta anche in vaso e in piccole quantità. La rucola è conosciuta volgarmente anche come rucola dei muri, quella varietà spontanea che cresce proprio a ridosso dei muri nelle regioni italiane più calde. La rucola dei muri è una specie molto rustica e molto diversa nel sapore da quella coltivata in serra o in campo. La rucola predilige un tipo di terreno non troppo argilloso e teme il clima freddo e il ristagno di acqua.

RUCOLA: COME SI COLTIVA E QUANDO SI RACCOGLIE

La rucola viene seminata ad aprile per essere raccolta nel periodo estivo. La rucola posside svariate proprietà nutritive che riesce ad avere grazie alla tipologia di terreno e alle sue qualità intrinseche. Durante la crescita delle piante di rucola è bene effettuare delle sarchiature per eliminare le erbe infestanti e far arieggiare il terreno. La raccolta della rucola può avvenire da maggio fino alla fine di ottobre, quando la piantina raggiunge i 10 cm circa di altezza. La rucola può essere attaccata da parassiti e erbacce, quindi è necessario monitorare costantemente l’andamento dello sviluppo e il giusto apporto di acqua. La rucola possiede diversi benefici tra cui quelli vitaminizzanti e antiscorbutici associati alla Vitamina C. La rucola è ideale anche per la digestione masticandola fresca.

 

Ti potrebbe interessare…